martedì 20 febbraio 2018

Equinozio di primavera 2018



La parola yoga significa anche "unione".
Unificare i diversi aspetti della nostra struttura, unirsi agli altri esseri viventi, unirsi con l'ambiente in cui ci troviamo a vivere.
Festeggiare solstizi ed equinozi significa sintonizzarsi con lo scorrere del tempo e riconoscere i ritmi del suo scorrere.
L'equinozio di primavera porta con sé il messaggio della continuazione della vita e del suo rinnovamento.
Possiamo partecipare alla nostra vita ed addirittura prefigurarne i contorni, ovvero fare progetti che la riguardano e quindi ci riguardano.
Il contrario di questo si chiama passività, fatalismo, impotenza.
La proposta è invece quella di essere attivi, determinati ed incidenti.
Usciremo da questo appuntamento con una qualità da nutrire e sviluppare durante l'anno a venire.
Per partecipare all'Equinozio di Primavera 2018 scrivi a garuda.ashram@gmail.com e riceverai tutte le informazioni.

venerdì 19 gennaio 2018

Ti piace il flipper?

Imparare la concentrazione ci rende capaci di rilassare la mente.

All'inizio si può far fatica a rimanere in silenzio con gli occhi chiusi; è come invitare la mente a perdersi in ogni direzione.

Il moto di frustrazione provato nel rendersi conto che la mente sta vagando, magari per l'ennesima volta, è un segno di progresso, non un passo indietro.

Il segreto è tutto lì, si tratta di imparare a notare quando, durante la concentrazione, la mente inizia a vagare; questa è la concentrazione.

Ogni pensiero rimbalza nella nostra mente come la pallina del flipper.

La concentrazione ci permette di osservarlo con occhio spassionato e rallentarne la velocità, resistendo alla tentazione di tirare di nuovo la leva mentale per mettere in gioco un'altra pallina, ovvero un altro pensiero.


Pensare è automatico, avviene da sé. Non pensare è una possibilità ulteriore.