Giornata internazionale dello yoga

La Scuola di Yoga Satyananda Ashram Italia e la Bihar School of Yoga di Munger (India) sono le strutture presso cui ho studiato e che mi riconoscono come Insegnante di Yoga.
In occasione della Prima Giornata Internazionale dello Yoga (21 giugno 2015) queste Scuole hanno aderito a questa manifestazione pubblicando alcune riflessioni e linee guida qui sintetizzate.

Yoga: il Nostro Patrimonio

Cos'è lo Yoga?

Lo Yoga è una conoscenza antica e uno stile di vita che è stato scoperto e sviluppato molto tempo fa. È stato preservato con cura, mantenuto e diffuso nel subcontinente Indiano attraverso varie ere e attraverso gli alti e bassi della storia. Questo è stato possibile grazie alla conduttività dell’ambiente sociale, culturale e storico del posto. Oggi lo Yoga appartiene a tutto il mondo. Milioni di persone hanno abbracciato lo yoga per ottenere salute, armonia e per esplorare il potenziale interiore.
Sostenitori della causa dello yoga
Molti maestri hanno contribuito a questo risultato e uno dei nomi che spicca è quello di Swami Satyananda Saraswati, ispiratore e fondatore della Bihar School of Yoga. Nel 1963 egli dichiarò:
“Lo Yoga emergerà come una grande cultura mondiale e cambierà il corso degli eventi nel mondo”.

Giornata Internazionale dello Yoga

Quello che era un pensiero particolare, ora è divenuto un pensiero generalizzato. Nel 2014 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha dichiarato all'unanimità che il 21 Giugno di ogni anno sarà celebrata la Giornata Internazionale dello Yoga. 

In questo giorno del solstizio d’estate, quando il giorno e la notte rappresentano una condizione di squilibrio, sarà celebrato lo yoga che ristabilisce l’equilibrio.

Il Tuo Programma Di Yoga
La Bihar School of Yoga dà pieno supporto all'idea della Giornata Internazionale dello Yoga e all'impegno che è stato preso dalle comunità nazionali ed internazionali di promuovere lo yoga.
In risposta alle richieste di chiarimento su come partecipare al meglio alla celebrazione della Giornata Internazionale dello Yoga, la Bihar School of Yoga ha piacere di condividere alcune linee guida.
Consigliamo due sessioni di yoga con specifiche pratiche ed orari stabiliti.

Mattina: dalle 6 alle 7 le persone potranno trovarsi dove abitano o nei centri degli ashram, comunità, sui terrazzi, nelle verande, nei giardini e altri spazi all'aperto, per eseguire le seguenti pratiche:

1. Shavasana                                 2. Kaya sthairyam

3. Canto del mantra Om e Shanti Mantra *

4 Tadasana (10 cicli)     5. Tiryak tadasana (10 cicli) 

6. Kati Chakrasana (10 cicli)                  7. Shavasana

8. Surya Namaskara (5 cicli)                  9. Shavasana

10. Nadi Shodhana pranayama (10 cicli) 

11. Bhramari pranayama (10 cicli)       12. Shavasana  
13. Canto del mantra Om (3 volte)


*Om saha naavavatu.                Saha nau bhunaktu. 
 Saha veeryam karavaavahai.
Tejasvinaavadheetamastu maa vidvishaavahai.
Om shantih, shantih, shantih.

Queste pratiche sono state selezionate perché promuovono e migliorano il benessere e la salute.

L’idea è anche quella di ritrovarsi come comunità di simili.


Giornata Internazionale dello Yoga
Sera: dalle 18 alle 19 verrà accesa una lampada ad olio o una candela e messa a terra al centro di una stanza in modo da illuminare uniformemente l’intero spazio.
I partecipanti possono sedersi in circolo attorno alla lampada o alla candela e praticare le seguenti fasi:

1. Canto del mantra Om (3volte) e degli Shanti mantra*
2. Kaya sthairyam (immobilità del corpo) per 5 minuti
3. Trataka (immobilità dello sguardo sulla fiamma della lampada o candela) per 10 minuti
4. Pratipaksha bhavana: rivedere le attività dell’intera giornata per identificare le esperienze più disturbanti e negative che sono accadute. Successivamente focalizzarsi sulle opposte qualità positive ed edificanti. Infine convertire le esperienze negative in gioiose, felici e appaganti.
5. Canto:
Asato maa sad gamaya
Tamaso maa jyotir gamaya
Mrityor maa amritam gamaya
Sarveshaam svastirbhavatu
Sarveshaam shantirbhavatu
Sarveshaam poornam bhavatu
Sarveshaam mangalam bhavatu
Loka samastaa sukhino bhavantu
Om shantih, shantih, shantih.

Questo canto è una risoluzione e contiene l’essenza degli insegnamenti dello yoga. Esprime gli obiettivi personali e sociali dello yoga.
Gli obiettivi personali di armonia ed equilibrio vanno modulati in modo che raggiungano e tocchino ognuno nel mondo.
Le finalità sociali dello yoga sono abbondanza di bontà, di pace, di pienezza, di ambiente ovunque favorevole, una vita felice, gioiosa ed armoniosa.


Obiettivo della Giornata Internazionale dello Yoga

L'intento di questa antica conoscenza è quello di ispirare le persone ad adottare lo yoga come uno stile di vita.
Quando lo Yoga diventa uno stile di vita c'è un incremento della salute fisica e dell’energia, uno sviluppo della chiarezza mentale e della creatività interiore, una sensazione di pace e di completezza.
Perciò, nella Giornata Internazionale dello Yoga, ogni praticante di yoga dovrebbe fare un sankalpa, una risoluzione, per incorporare nella routine quotidiana i contenuti dello yoga, per vivere in modo yogico e dare inizio ad un futuro più sano, brillante e pacifico per tutti.